Il backup dei dati è un’azione che andrebbe svolta regolarmente.

Non solo perché così non si corre il rischio di perdere i dati a causa del furto del computer o di un grave danno al disco rigido ma anche perché in questo modo ci si può proteggere da eventuali virus.

Per potere effettuare il backup dei dati esistono varie opzioni, ognuna delle quali ha dei pro e dei contro.

CHIAVETTE USB

  • PRO: portatili; a buon mercato; facilità di trasferire i dati verso vari dispositivi.
  • CONTRO: piccoli e facili da perdere; cicli di longevità brevi per la lettura e la scrittura dei dati.

HARD DISK ESTERNI

  • Pro: a buon mercato (ma non come le chiavette USB); molto spazio per l’archiviazione di file più grandi.
  • Contro: si possono danneggiare a causa di problemi esterni, come uno sbalzo di tensione o malware.

TIME MACHINE (di APPLE)

  • Pro: automatico, perché il backup avviene ogni ora con salvataggi giornalieri, settimanali e mensili; back-up del disco intero e non solo dei file chiave.
  • Contro: senza fili, costoso, e solo per chi ha un Mac.

NETWORK ATTACHED STORAGE (NAS)

CLOUD STORAGE

  • Pro: automatico o manuale; una certa quantità di spazio è solitamente libera.
  • Contro: richiede una connessione internet; le aziende non sono obbligate a conservare questo servizio per sempre.