Per configurare una campagna Advertising su Facebook con un’immagine occorre che quest’ultima non contenga più del 20% di testo.

Una regola fondamentale perché, se non rispetta, si rischia o che la campagna non dia affatto buoni risultati o che venga rifiutata dal social media.

Facebook, infatti, preferisce immagini delle inserzioni con poco o senza testo, in quanto le immagini con molto testo potrebbero creare un’esperienza di bassa qualità per gli utenti della rete sociale.

Per fortuna, prima di avviarne una, c’è uno strumento, interno a Facebook, che permette di testare anzitempo l’immagine che vogliamo utilizzare nell’annuncio da sponsorizzare.

Cliccando qui, infatti, si può caricare l’immagine e ottenere, in pochi secondi, il responso di Facebook.

Il social media restituisce 4 risultati:

  • Testo dell’immagine Ok: l’inserzione verrà pubblicata normalmente.
  • Testo dell’immagine poco: la copertura dell’inserzione potrebbe essere leggermente inferiore.
  • Testo dell’immagine medio: la copertura dell’inserzione potrebbe essere molto inferiore.
  • Testo dell’immagine tanto: l’inserzione potrebbe non essere pubblicata.

Cosa fare per ridurre la quantità di testo?

Lo stesso Facebook suggerisce di prendere in considerazione l’idea di inserire la maggior parte del testo nell’area apposita dell’inserzione (la didascalia) anziché nell’immagine dell’inserzione.

Insomma, se si deve usare del testo, è opportuno scegliere dimensioni ridotte e una quantità inferiore di parole per ridurre la proporzione tra testo e immagine.

C’è da ricordare, però, che Facebook ammette alcune eccezioni di immagini con testo contenente oltre il 20% di testo. Ciò avviene, ad esempio, per le copertine dei libri o per le confezioni dei prodotti.

Infine, è giusto tenere in mente che Facebook considera testo qualsiasi logo basato sul testo, i watermark e i numeri.